Gestire materiali da scavo

Gestire materiali da scavo

Per materiali da scavo s'intende il suolo o sottosuolo, con eventuali presenze di riporto, derivanti dalla realizzazione di un'opera come (Decreto del Presidente della Repubblica 13/06/2017, n. 120, art. 1, com. 1):

  • scavi in genere (sbancamento, fondazioni, trincee)
  • perforazione, trivellazione, palificazione, consolidamento
  • opere infrastrutturali in generale (galleria, strada)
  • rimozione e livellamento di opere in terra.

I materiali da scavo possono anche contenere: calcestruzzo, bentonite, polivinilcloruro (PVC), vetroresina, miscele cementizie e additivi per scavo meccanizzato. La composizione media dell'intera massa non deve però presentare concentrazioni di inquinanti superiori ai limiti massimi previsti.

La procedura per la gestione delle terre e rocce da scavo si differenzia a seconda del fatto che i materiali siano o non siano provenienti da opere soggette a valutazione di impatto ambientale (VIA) o ad autorizzazione integrata ambientale (AIA).

Puoi trovare questa pagina in

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
Ultimo aggiornamento: 06/04/2023 14:16.23